Come creare delle piantine per l’orto con gli scarti della cucina

ORTO

Il cibo è caro. Se fai la spesa per la tua famiglia, sai che questo è uno dei costi più alti legati alla tua casa e alla tua famiglia, se vuoi ridurre questa spesa puoi coltivare tu stesso determinati alimenti. E puoi farlo partendo dagli scarti che normalmente butteresti via, creando delle piccole piantine da seminare poi nell’orto.

Immagina di avere una scorta illimitata di cibo sempre a portata di mano senza saperlo, che ti può permettere ogni mese di risparmiare molto denaro. Molti degli scarti di frutta e verdura, che normalmente butti, se opportunamente trattati possono essere utilizzati per produrre nuovo cibo.

Se stai pensando di fare l’orto per coltivare tu ciò che mangi, in quest’articolo troverai 5 alimenti che puoi seminare partendo dai tuoi scarti di cucina.

Nuove piantine per l’orto partendo dagli scarti della cucina

Il sedano

ORTO

Per coltivare il sedano ti basterà tagliare il fondo o la base della pianta e adagiarlo in una ciotola con solo un po’ ‘di acqua calda sul fondo e posizionarlo in un posto esposto al sole. Dopo circa una settimana compariranno le prime foglie e le prime radici, quando ciò accade, puoi trapiantare il sedano nel terreno.

Le carote

ORTO

Per quanto riguarda le carote partendo dagli scarti non avrai subito una nuova carota, ma bensì una piantina da cui ottenere i semi da piantare l’anno successivo, vediamo insieme cosa fare.

Per poter avere nuove carote partendo da quelle vecchie, occorre acquistare quelle sulla cui estremità superiore siano presenti le foglie. Una volta eliminate le foglie dovrai tagliare una rondellina di 8-10 mm dall’estremità più grossa.

Dovrai poi mettere le rondelline in un recipiente con acqua a temperatura ambiente, che va cambiata ogni 2- 3 giorni, di modo che siano coperte per 2/3. Dopo circa una settimana le nuove piantine avranno iniziato a germogliare. Dovrai aspettare almeno tre, quattro giorni e poi preparare i contenitori per metterle a dimora. Le rondelle vanno inserite nel terriccio in modo da lasciare all’aria solo la parte germogliata.

Per ottenere i semi dovrai attendere che le inflorescenze si secchino e poi sfregandole con le mani riuscirai a separare i semi dai loro involucri. I semi dovranno essere avvolti nella carta e posti in scatole di latta per non essere esposti alla luce. In questo modo potranno durare di più.

Il basilico

ORTO

Le piante di basilico spesso vengono riprodotte per talea utilizzando alcuni rametti. Per creare te una nuova piantina dovrai mettere più foglie di basilico in un bicchiere d’acqua semipieno a temperatura ambiente. Dopo circa una settimana potrai vedere i primi risultati: alcune avranno emesso radici e saranno pronte per dare vita a nuove piantine.

Le patate

ORTO

Se si dimentica per un lungo periodo le patate in cantina o in frigo, queste iniziano a germogliare, ma non ci sono problemi per noi che volgiamo ottenere nuove piantine partendo dagli scarti di cucina, perché ogni germoglio potrà dare vita a una nuova pianta.

Le patate germogliate possono essere utilizzate come seme per ottenerne di nuove, ti basterà interrarle, se troppo grosse potrai farle anche a pezzi, bagnarle e attendere il momento della raccolta.

Le cipolle

ORTO

Se per caso hai in frigorifero una cipolla germogliata la puoi usare per creare nuove piantine. Per farlo ti basterà separare con l’aiuto di un coltello, ma con delicatezza, la parte interna della cipolla dalla parte restante dell’ortaggio, ottenendo così un piccolo bulbo pronto per essere piantato in vaso

P.S. Se vuoi rimanere sempre aggiornato sugli articoli del blog, e accedere a contenuti esclusivi ti invito ad iscriverti al bot di Messenger. Riceverai così un messaggio ogni volta che c’è qualcosa che ti interessa.

  Rimani aggiornato*

*se non vuoi più ricevere i messaggi, ti basterà scrivere stop.

Conclusioni

Se vuoi creare un piccolo orto ricordati, prima di comprare i semi, di guardare fra i tuoi scarti della cucina per vedere se c’è qualcosa che può tornarti utile, permettendoti anche di risparmiare. Non tutto ciò che buttiamo è veramente uno scarto.

Se sei interessato a nuovi modi di coltivare, allevare e a raggiungere in parte la tua autosufficienza, ti lascio qua sotto un breve elenco di libri da consultare per ampliare le tue conoscenze in materia.

Agricoltura sinergica. Le origini, l’esperienza, la pratica

Grazie a questo libro potrai conoscere un nuovo modo di coltivare che non richiede la lavorazione annuale del terreno, riceverai inoltre consigli dettagliati su come ottenere produzioni abbondanti e di qualità con il minimo intervento e nel massimo rispetto dell’ambiente naturale.

Il punto di forza della permacultura è la sua capacità di andare oltre l’agricoltura sostenibile per proporsi come sistema per progettare insediamenti umani modellati sugli ecosistemi naturali, allo scopo di creare sistemi produttivi durevoli e sostenibili.

 La permacultura si può applicare ad un balcone, ad un piccolo orto, ad una grande azienda agricola o a intere zone naturali, così come ad abitazioni isolate, eco villaggi e insediamenti urbani. All’interno del libro troverai consigli utili per coltivare anche in ambienti aridi e poco fertili.

Una guida pratica per vivere in armonia con la natura. Grazie a questo libro imparerai come misurare il tempo, come trovare l’acqua, quali erbe selvatiche si possono raccogliere perché commestibili, come coltivare, conservare il cibo, addomesticare, costruire utensili e indumenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: